Programma

Moltitudini, il tema di quest’anno, prenderà forma a Book Pride Genova in modi diversi grazie alla generosa collaborazione degli editori presenti con i loro cataloghi e soprattutto con i loro autori e autrici.


Molte come sempre le collaborazioni con Book Pride, alcune stabili altre di nuova formazione. Grazie a questa collaborazione saranno presenti a Genova Amélie Nothomb (Voland) e Mikhail Shishkin (21Lettere) vincitori ex-aequo del Premio Strega Europeo 2022. Sul fronte nazionale, saranno presenti ben tre autori italiani: Fabio Bacà (Adelphi), Veronica Galletta (Minimum Fax), inseriti nella settina di quest’anno, e Marino Magliani (L’Orma editore), entrato nella dozzina. 


Molti quest’anno gli autori stranieri. Oltre ai già citati Amélie Nothomb (che torna a Genova il 1° ottobre dopo una prolungata assenza) e Mikhail Shishkin (per la prima volta in città il 2 ottobre), porteremo il Premio Pulitzer per la narrativa Joshua Cohen (Codice edizioni) che presenterà I Netanyahu il 1° ottobre. Si parlerà dell’amatissima Irène Némirowski, grazie all’inedito “Tempesta in giugno” (Adelphi) scoperto da Teresa Lussone che dialogherà con Olivier Philipponnat, curatore dell’intera opera dell’autrice e suo biografo domenica 2 ottobre. Sempre sul fronte francese, il 30 settembre la giovanissima scrittrice francese Clementine Hanael (Alter Ego editore) presenterà in anteprima nazionale il suo esordio Una brutta china e il 2 ottobre per la prima volta a Genova Sylvain Proudhomme (66thand2nd) con un romanzo vivido sulla gioventù bruciata degli anni ’80, Leggenda. 


Il programma completo sarà disponibile ai primi di settembre!